Maurizio

Author Archive

Trasformare le emozioni

il primo passo nel lavoro con le emozioni è riconoscerle nel momento in cui affiorano. La responsabile di questa operazione è la consapevolezza. Nel caso della paura, ad esempio, si tratta di attivare la consapevolezza, guardare la propria paura e riconoscerla come tale. Sapete che la paura nasce da voi, proprio come la consapevolezza. Sono […]

Read More

Il fiume delle sensazioni

Le sensazioni giocano un ruolo molto importante nel determinare il corso dei nostri pensieri, delle nostre parole e delle nostre azioni. Dentro di noi c’è un fiume di sensazioni, in cui ogni goccia d’acqua è una sensazione diversa e ciascuna deve la sua esistenza a tutte le altre. Per osservarlo ci sediamo sulla sponda e […]

Read More

La speranza è un ostacolo

La speranza è importante perchè può rendere il presente meno gravoso. Credere che domani andrà meglio aiuta a sopportare il fardello di oggi. Ma questo è il massimo che la speranza può fare per noi: alleggerire il nostro fardello. Riflettendo sulla natura della speranza mi appare chiaro il suo risvolto involutivo. Aggrappandoci alle nostre speranze […]

Read More

Fermarsi

Lo scopo della nostra pratica è fermarsi. Fermarsi per guardare in profondità. Ci fermiamo semplicemente per esserci. Per essere con noi stessi e con le cose che ci circondano. La capacità di fermarsi permette di vedere. Vedere permette di capire. Pace, armonia e pienezza sono il frutto che ne deriva. Per poter essere veramente in […]

Read More

Senza scopo

In Occidente, c’è una forte motivazione al raggiungimento dei propri fini. La gente sa cosa vuole e va dritta al suo scopo.  Può essere utile, ma nel frattempo il piacere di vivere va perduto. C’è un termine buddhista che si può tradurre con “senza desiderio” o “senza scopo”. Significa non porsi alcuna meta da raggiungere, perchè dentro […]

Read More

Abbattere i compartimenti

La nostra vita è divisa in tanti compartimenti. Come fare allora a portare la pratica fuori dalla sala di meditazione, in cucina, in ufficio? Nella stanza in cui pratichiamo ci sediamo in silenzio, cercando di essere consapevoli di ogni respiro. In che modo questa pratica può influenzare i momenti di non pratica? Quando il medico […]

Read More

Lavare i piatti

Secondo me, l’idea che lavare i piatti sia sgradevole può venire in mente solo quando non li stiamo lavando. Una volta davanti al lavandino, con le maniche rimboccate e le mani nell’acqua calda, in realtà non è affatto sgradevole. Mi piace dedicarmi con calma ad ogni piatto, pienamente consapevole del piatto, dell’acqua e di ogni […]

Read More

Un pasto consapevole

Qualche anno fa domandai a un gruppo di bambini: “Perché facciamo colazione?”. Uno rispose: “Per fare scorta di energia”. Un altro disse: “Facciamo colazione per fare colazione”. Credo che il secondo bambino abbia colto nel segno. Lo scopo del mangiare è mangiare. Mangiare un pasto consapevole è una pratica importante, perciò spegniamo la TV, appoggiamo […]

Read More

La meditazione del mandarino

Se vi offro un mandarino appena colto credo che la misura in cui saprete goderne dipenderà da quanto siete consapevoli. Se siete liberi da ansie e preoccupazioni lo gusterete di più. Se siete in preda alla rabbia o alla tensione il mandarino non vi sembrerà molto reale. Un giorno offrii a un gruppo di bambini […]

Read More

il biscotto dell’infanzia

Quando avevo quattro anni mia mamma mi portava a casa un biscotto tutte le volte che tornava a casa dal mercato. Io andavo a mettermi sul praticello davanti a casa e me lo mangiavo con calma. Per finire un biscotto a volte ci mettevo anche più di mezz’ora. Ne addentavo un pezzetto e guardavo il […]

Read More