Campane di consapevolezza

Campane di consapevolezza

image_pdfArticoli

Nella mia tradizione la campana del tempio serve a ricordarci di tornare al presente.
Ogni volta che sentiamo la campana, smettiamo di parlare, smettiamo di pensare e ci raccogliamo sorridendo mentre inspiriamo ed espiriamo. Per un attimo sospendiamo qualunque attività e non facciamo altro che gioire del nostro respiro.
“Ascolta, ascolta. Questo suono meraviglioso mi riporta al mio vero sè”
Da quando vivo in Occidente, non mi capita spesso di udire le campane dei templi buddisti. Ma per fortuna in tutta Europa ci sono le campane delle chiese. 
Quando tengo le mie conferenze in Svizzera, mi servo sempre delle campane della chiesa per praticare la consapevolezza. Quando suona la campana, smetto di parlare, e tutti insieme prestiamo ascolto al suo rintocco profondo. È una cosa bellissima, anche meglio della conferenza direi!. 
Quando sentiamo la campana è il momento di fermarci a gustare il nostro respiro ed entrare in contatto con le meraviglie della vita che ci circondano: i fiori, gli alberi, l’intensità dei profumi, la bellezza del cinguettio degli uccellini. Ogni volta che ritorniamo in contatto con noi stessi, ci sono le condizioni più propizie per incontrare la vita nel presente.
Tutti dovrebbero lasciarsi il tempo per godere di essere vivi! Non dovremmo passare tutto il giorno solo a correre di qua e di là. Dobbiamo imparare a goderci fino in fondo le campane delle nostre chiese. Le campane sono belle ed hanno il potere di risvegliarci.
Ma qualunque suono può andar bene per ricordarvi di fare una pausa, inspirare ed espirare e gioire dell’attimo presente. Il cicalino che scatta quando dimenticate di allacciare le cinture di sicurezza in auto, è una campana di consapevolezza. Anche i non-suoni, come i raggi di sole che filtrano dalla finestra, sono campane di consapevolezza che ci ricordano di tornare a noi stessi, respirare, sorridere e vivere pienamente nell’attimo presente.

liberamente tratto dagli scritti del monaco buddhista Thich Nhat Hanh

ABOUT AUTHOR

Maurizio Tamai